"Minori: difficoltà e integrazione". 12 giugno 2015 ore 20:00
 
Cari amici,
siete tutti invitati all'incontro "Minori: difficoltà e integrazione" al quale l'Istituto La Casa interverrà sul tema: "I tempi dell’integrazione nel processo migratorio”.
 
Venerdì 12 GIUGNO 2015 / ORE 20:00 PRESSO IL SALONE DEL CIRCOLO MONDINI VIA FREIKÖFEL, 1 - 20138 MILANO

L'iniziativa è promossa dall'Ordine degli Psicologi della Lombardia, in collaborazione con il Consiglio di Zona 4 del Comune di Milano.

Programma
h.20.30 - Apertura lavori e saluti Autorità del Consiglio di Zona 4.
Chairman: Dott.ssa Patrizia Frongia Psicologa Psicoterapeuta.

h.20.40 - Dott.ssa Silvia Carameli Coordinatrice Area Scuola e Lavoro Cooperativa La Strada: “Sostegno allo Studio e integrazione sul territorio: i doposcuola in zona 4”.

h.20.50 - Dott.ssa Angela Sartorio Psicologa Coordinatrice del volontariato presso Associazione NOCETUM: “Luoghi di desiderio”. Con la testimonianza di Fikri Tallih, Presidente di Cirqu’en Libertè.

h.21.10 - Dott.ssa Elena Gagliardi Pedagogista Coordinatrice del Centro di Emergenza Sociale: “La pesante identità di un popolo leggero”.

h.21.25 - Dott.ssa Maria Gabriela Sbiglio Psicologa Psicoterapeuta collaboratrice del Consultorio Familiare Istituto La Casa: "I tempi dell’integrazione nel processo migratorio”.

La partecipazione è aperta e libera. Vi aspettiamo numerosi!

 

*****
Emigrazione e mondializzazione fanno parte della vita quotidiana così come l’integrazione, che deve essere accompagnata al mantenimento e riconoscimento dell’identità delle origini nelle diverse culture.

Parlare di integrazione sociale significa concepire l'immigrazione come un fenomeno di lungo respiro, che attraverso varie generazioni e fasi, giunge a una piena cittadinanza sociale basata sul rispetto reciproco tra culture diverse e sulla possibilità reale per l'immigrato di partecipare e contribuire attivamente alla vita della società in condizioni di parità rispetto agli autoctoni. Il bambino e l'adolescente straniero rappresentano il momento più avanzato del processo di confronto culturale dell'intera famiglia nella società, poiché sono proprio loro ad avere il primo contatto con le istituzioni e con i primi luoghi di socializzazione. I servizi sociali, le scuole, i tribunali, gli ospedali, ma anche la stessa società civile si trovano improvvisamente a dover gestire e a convivere con una nuova figura, un nuovo cittadino, una nuova persona: il minore straniero.

La sempre maggiore presenza di minori stranieri nella nostra società e nelle nostre scuole implica la necessità per il sistema scolastico italiano di aprirsi alle esigenze di una scuola sempre più multiculturale e di contribuire a una piena integrazione degli alunni stranieri e delle loro famiglie nella nostra società. Partendo da questa premessa, l’incontro si propone di indagare all'interno di una realtà specifica, la zona 4 di Milano, quanto associazioni e istituzioni del territorio concretamente fanno per adempiere al meglio al compito dell'integrazione dei minori stranieri nella società. Il problema sarà affrontato nel suo insieme, soffermandosi brevemente sulle problematiche connesse alla psicologia dell’identità del bambino straniero e su uno sguardo d'insieme al modello d'integrazione sperimentato.

Interverranno: Consiglio di Zona 4, Consorzio Farsi Prossimo, Consultorio Familiare Istituto La Casa, Cooperativa sociale “La Strada”, Associazione Nocetum, Associazione Cirqu’en Libertè.