Paesi: BOLIVIA, BULGARIA, CILE, COLOMBIA, COSTARICA, CIAD

Tramite intesa con Ente Amici Trentini: ECUADOR, INDIA, NEPAL

Tramite intesa con Ente NADIA Onlus:
FEDERAZIONE RUSSA, KAZAKISTAN, POLONIA, MOLDAVIA, THAILANDIA, UCRAINA

 

È un Paese del Sud America tra i più svantaggiati economicamente. Posto sulla cordigliera delle Ande, ha per capitale La Paz, lo spagnolo è la lingua ufficiale. La religione maggiormente praticata è quella cattolica.

Abbandono minorile e adozione

I bambini in stato di abbandono sono accolti per la maggior parte in Istituti, alcuni di tipo religioso. La Bolivia ha aderito alla Convenzione de L’Aja del 29.05.93, ratificata nel 2002. L'Autorità Centrale è il Viceministerio de Igualdad de Oportunidades.  

L’Istituto La Casa ha rapporti da lunga data con le autorità boliviane.
Negli abbinamenti viene data priorità ai bambini di età superiore ai 4 anni e alle fratrie.

Gli aspiranti genitori adottivi devono avere più di 25 anni e non più di 55 anni (almeno uno dei due coniugi). Si effettua un unico viaggio in Bolivia e il soggiorno è di circa 60 giorni.

La legge 229, entrata in vigore in agosto 2019, ha apportato importanti novità che prevedono l'abbreviazione dell'iter per l'adottabilità dei minori istituzionalizzati e lo snellimento delle procedure per l'adozione.

Le principali novità riguardano la riduzione del periodo di permanenza all'estero delle coppie adottive, l'istituzione di un registro unico per l’adozione nazionale e internazionale con l’elenco dei minori in stato di adottabilità, il passaggio di competenza circa gli abbinamenti coppia-minore ai giudici in materia di infanzia e adolescenza, così come era in passato.

Le autorità boliviane richiedono 4 relazioni di post-adozione, a cadenza semestrale.

Inserisci i tuoi dati per ricevere TAM TAM, la newsletter on line